Home

Fine febbraio 2018 – Prenotatelo in libreria

cover-contadina-defi

Noëmi Lerch
La Contadina
12×16.5 cm, 128 pp, Euro 12,00

Traduzione dal tedesco di Anna Allenbach

Premio Schiller Terra-Nova 2016

Una ragazza passa un anno in un paesino sperduto tra le montagne, dove il nonno, grande scalatore, aveva costruito una casa di vacanza per accogliere la moglie che veniva “dall’altra parte del mondo”.
La ragazza, l’io narrante, lavora presso una contadina che da sola gestisce una fattoria di montagna (con qualche mucca, dei polli, un vecchio cavallo, un gatto e un po’ di terreno) e vive nella casa, ormai trasandata, dei nonni in compagnia del fantasma della nonna.

Il libro è scandito dalle stagioni: autunno, inverno, primavera, estate e autunno.
Al ciclo della natura si aggiunge quello della vita: nasce un vitello, muore un corvo…

Nell’apparente immobilità del paesaggio e del contesto rurale, il tempo scorre e quasi nessuno viene chiamato per nome, tranne gli animali e un ragazzo del paese.

Sull’arco di un anno si intrecciano due mondi, uno concreto (la vita insieme alla contadina e gli abitanti del paese, il lavoro in stalla e sui campi) e uno onirico (i ricordi, i desideri, i sogni, la convivenza con la “nonna morta”).

L’autrice definisce la contadina una specie di cardine tra mondo animale e mondo umano, tra natura e civilizzazione, tra vita e morte… mentre l’io narrante si muove tra due vite che sembra non riuscire a conciliare.


Noëmi Lerch, nata nel 1987 a Baden, Svizzera, ha studiato presso l’Istituto letterario di Bienne e l’Università di Losanna. È redattrice della rivista letteraria e di viaggio Transhelvetica, propone serate di lettura e musica con il duo Käser & Lerch ed è membro del Literaturbüro Olten. In inverno vive nel Canton Argovia mentre d’estate lavora su un’alpe.

Anna Allenbach (1980) prima degli studi ha lavorato in fattoria e frequentato la scuola agraria. Oggi è artista e traduttrice. Ha tradotto testi di Peter Bichsel, Anna Kim, Elisabeth Bronfen, Ludwig Hohl e Levin Westermann. Vive e lavora a Mendrisio.


Estratto – quarta di copertina

Faccio un esperimento: mi piazzo là in alto davanti al fienile, le mani nelle tasche dei pantaloni e non sono più quella con le gambe smilze, come un giorno ha detto la Contadina, ma un contadino con gli stivali ben radicati nella terra.
Questa postura non dura a lungo. Recintando il prato sotto la stazione mi pungono i tafani, scivolo su una pietra e finisco in mezzo ai cardi. Vado avanti, mi piego per prendere una scatola di latta e con la faccia finisco nelle ortiche. Quando mi alzo picchio la testa contro un ramo. Con il machete taglio i cardi, le ortiche e i rami. Stai attenta a non tagliarti le gambe, ha detto la Contadina. Quando, infine, attacco il machete alla cintura mi taglio il dito. Finito di recintare mi sdraio sulla panchina davanti a casa. Eppure recintare è la cosa più semplice del mondo, dice la Contadina.

 

One thought on “Noëmi Lerch, “La Contadina”

  1. Pingback: Un paio di cose non molto rilevanti – SebaMarvin.com ‒ Sebastiano Marvin Official Website

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...