Home

cover-noseda-ebook

Giorgio Noseda
Una finestra nella tua casa
Cure palliative e conforto nella malattia

Prefazione di Hans Neuenschwander

15×21 cm
208 pp

978-88-97308-15-7

CHF 20,00
EUR 16,50

“Le cure palliative sono cure attive e globali di un paziente la cui malattia non risponde ai trattamenti che mirano alla guarigione.
Il controllo del dolore, degli altri sintomi e dei problemi psicologici, sociali e spirituali è prioritario.
Il traguardo delle cure palliative è lo sviluppo della migliore qualità di vita possibile per i pazienti e le loro famiglie.”
Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)

Il termine “palliativo” deriva da pallium, che nella Roma antica designava il telo di lana che si poggiava su una spalla e si drappeggiava intorno al corpo, per proteggerlo.
Nella medicina moderna questo termine ha purtroppo assunto un significato vagamente negativo, di rimedio sostitutivo, di facciata, inadatto a risolvere del tutto un problema di salute. Il marito di una paziente ci ha detto: «Non vogliamo cure palliative. Vogliamo medicina, non carità!»
Si dimentica invece che con esso si designa tutto un complesso di cure, che sarebbe più appropriato definire “di supporto”, utilizzate in situazioni anche molto diverse fra loro.
Le cure palliative non sono rimedi inefficaci, al contrario. Studi clinici testimoniano la loro validità anche in termini di sopravvivenza e di miglioramento della qualità di vita.
Nonostante molti medici siano convinti che le cure palliative aiutino molto, e sotto numerosi punti di vista, essi le prescrivono generalmente troppo tardi. Questo ritardo causa sofferenze inutili perché, concentrandosi su esami di laboratorio e di radiologia, ci si dimentica del malessere fisico, psicologico e spirituale del paziente.
Le cure palliative si prefiggono di mantenere la qualità della vita e il diritto alla vita del paziente sino alla morte, di alleviarne le sofferenze, nel rispetto dei suoi desideri e delle necessità fisiche, psicologiche, morali, sociali, esistenziali e culturali.
Oggi, grazie a un processo di ricerca incessante, che coinvolge gli istituti più avanzati ed è promossa con ingenti mezzi finanziari, la medicina è riuscita a elaborare un apparato di conoscenze in uno spettro amplissimo di patologie e a predisporre contro di esse un gran numero di terapie efficaci. Un’evoluzione stupefacente, alla quale, però, non è seguita una crescita altrettanto sorprendente nella comprensione dei problemi esistenziali delle persone, presi come siamo stati a curare la malattia piuttosto che l’ammalato.


Giorgio Noseda
Medico cardiologo, professore emerito all’Università di Berna.
Per anni primario di medicina interna all’Ospedale della Beata Vergine di Mendrisio e all’Ospedale regionale di Lugano.
Membro del Gran Consiglio ticinese dal 1975 al 1989, è stato Presidente e relatore della Commissione per la Legge ospedaliera, che ha istituito l’Ente ospedaliero cantonale nel 1982.
Ha presieduto la Lega svizzera contro il cancro, la Fondazione Ricerca Svizzera contro il Cancro e Oncosuisse.
Ha contribuito alla fondazione dell’Istituto di Ricerca in Biomedicina di Bellinzona, che ha presieduto per quindici anni, ed è attualmente presidente dell’Istituto nazionale per l’Epidemiologia e la Registrazione del Cancro (NICER) presso l’Università di Zurigo.
È membro onorario dell’Accademia svizzera di scienze mediche.
Presiede la Fondazione “Child to Child for Africa”, attiva in Kenya in campo scolastico.
È membro di comitato dell’Associazione ticinese di Cure palliative.


CDT Intervista a Giiorgio Noseda


 

Annunci

One thought on “Una finestra nella tua casa

  1. Pingback: Giorgio Noseda a “Speciale Chiasso” | gabriele capelli editore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...