Home

 

Il Premio Studer/Ganz per la migliore opera prima in prosa è rivolto ad autori esordienti; è stato istituito nel 2006 e dal 2015 è stato esteso alla Svizzera italiana.

Informazioni:
Fondazione Studer/Ganz
c/o AdS, Autrici ed Autori della Svizzera, Konradstrasse 61, CH-8031 Zurigo
www.studerganzstiftung.ch


Premio Studer/Ganz per prosa inedita d’esordio 2021

La Fondazione Studer/Ganz, fondata nel 2005, promuove le aspiranti autrici e autori della Svizzera. Nel 2021 la Fondazione offre per la quarta volta nella Svizzera italiana un premio per il miglior testo inedito in prosa. La vincitrice, il vincitore sarà avvisato durante l’autunno 2021. La cerimonia di premiazione è prevista per la prima metà del 2022.

Ammissione al concorso
– Al concorso possono essere inviate opere in prosa inedite, vale a dire romanzi, novelle o racconti (nel caso di novelle o racconti, essi dovranno essere uniti da un evidente filo conduttore).
– La poesia è esclusa.
– È ammesso chi non abbia mai pubblicato un testo letterario, in forma cartaceo o digitale (eccetto libri di poesia) sia con un editore che a proprie spese. Il testo inoltrato deve essere inedito in tutte le sue parti.
– I partecipanti devono essere cittadini svizzeri oppure residenti in Svizzera.
– Il testo premiato sarà onorato con 5000 franchi (2000 franchi per l’autore, 3000 franchi per un editing professionale) e la sua pubblicazione, compresa di rilettura ed eventuale revisione editoriale, affidata all’editore Gabriele Capelli.

Stesura
La partecipazione avviene in forma assolutamente anonima. I testi non dovranno contenere nessun tipo di indicazione che possa far risalire all’identificazione dell’autrice/autore, pena l’esclusione dal concorso Le/i partecipanti invieranno il proprio testo inedito, in italiano, completo e composto da almeno 100 pagine – formattato come segue:

– la pagina A4 standard dovrà contare al massimo 1500 battute, spazi compresi;
– carattere Times New Roman, grandezza del punto 14, interlinea 1.5, le pagine devono essere numerate e il testo dovrà disporre di un indice.

I partecipanti possono inviare un solo manoscritto; è vietato inoltrare testi che hanno partecipato a edizioni precedenti del Premio Studer/Ganz, neppure in versione rielaborata.

Modalità di iscrizione
Su un documento separato indicare: nome e cognome, indirizzo, telefono, email e data di nascita del partecipante; inoltre indicare una parola chiave con cui contrassegnare l’inedito.

Il testo inedito e il documento accompagnatorio sono da spedire in formato PDF a info@studerganzstiftung.ch.

Giuria
La scelta sarà effettuata da una Giuria di esperti composta da autrici/autori e da mediatrici/mediatori letterari. La decisione della Giuria è inappellabile e insindacabile, le vie legali sono escluse e non si terrà nessuna corrispondenza.

Informazioni
Per ulteriori informazioni rivolgersi alla Segreteria della Fondazione Studer/Ganz.

Termine di invio
31 luglio 2021


Premio Studer/Ganz 2017

Il premio Studer/Ganz 2017 è stato assegnato a Alexandre Hmine per il manoscritto “La chiave nel latte”. Il premio, che ammonta a 5000 franchi, viene attribuito alla migliore opera prima in prosa e prevede la pubblicazione dell’inedito presso l’editore Gabriele Capelli di Mendrisio. Una giuria di esperti composta di cinque membri ha selezionato il testo vincitore da una rosa di dieci partecipanti.

Alexandre Hmine è nato a Lugano nel 1976; si è laureato in lettere all’Università di Pavia, insegna presso il liceo di Lugano 1.

Storia di formazione di un ragazzo di origine marocchina, “La chiave nel latte” procede per frammenti di ricordi a cavallo tra il Ticino, dove il protagonista cresce con l’anziana Elvezia e un Marocco più sognato che reale. L’autore fa emergere la complessità dei personaggi e dei luoghi attraverso una scrittura che procede con naturalezza in contesti culturali e linguistici diversi.

La consegna ufficiale del premio si terrà nella primavera del 2018 presso la Biblioteca cantonale di Bellinzona.

Schermata 2017-12-07 alle 09.05.50


Premio Studer/Ganz 2015

Il premio Studer/Ganz 2015 è stato assegnato a Virginia Helbling per il manoscritto «Dove nascono le madri».
Il premio, che ammonta a 5000 franchi, viene attribuito alla migliore opera prima in prosa e prevede la pubblicazione dell’inedito presso l’editore Gabriele Capelli di Mendrisio.
Una giuria di esperti composta di cinque membri (scrittori, traduttori, giornalisti culturali) ha selezionato il testo vincitore da una rosa di dodici partecipanti.

Virginia Helbling è nata a Lugano nel 1974; ha studiato lettere e filosofia all’Università di Friburgo, ha lavorato come giornalista ed è madre di sei figli.

Narrato in prima persona, «Dove nascono le madri» esplora le zone d’ombra di una giovane madre combattuta fra il desiderio di libertà e i doveri che il suo ruolo comporta. La musica attraversa l’intera opera, determinandone l’originalità e offrendo alla protagonista una possibile via di fuga creativa.

La consegna ufficiale del premio si terrà il 22 gennaio 2016 alle 18.30 presso la Biblioteca cantonale di Bellinzona. La laudatio sarà tenuta da Jacqueline Aerne del Consiglio di Fondazione Studer/Ganz; Virginia Helbling leggerà pagine dal suo manoscritto.

cover helbling GCE defi