Home

Dal 20.05.2017 in libreria
cover-lupe-web low
Tommy Cappellini
Rigor mortis per Lupe

Romanzo
GCE – Gabriele Capelli Editore
12×16.5 cm, 128 pp, CHF 16,00, EURO 14,50
ISBN 978-88-97308-42-3

Hollywood 1944: l’amore impossibile di un adolescente per la focosa star della serie «Mexican Spitfire».

«David, domattina mi aiuti a riportare in vita il parco di miss Vélez. Joel ha chiesto giornata libera. Non ci sei che tu». Con questa richiesta da parte del padre – giardiniere nelle ville di Hollywood negli anni Quaranta – inizia l’adolescenza di David Donaz, o meglio il suo primo amore, mai sopito nemmeno decenni più tardi, per Lupe Vélez, la sfortunata Mexican Spitfire di tanti film di successo, taluni purtroppo dimenticati, e moglie di Johnny Weissmuller. E sentimentalmente legata, per un certo periodo, tra gli attori celebri, a Gary Cooper, Arturo de Córdova e altri.

Dai giorni dello sbarco in Normandia al 13 dicembre 1944, data del suicidio «in abito da gran sera» dell’attrice forse dai troppi amanti (sensuale come può esserlo una creatura di San Luis Potosí, Messico, ritrovatasi in cima allo star system, sempre applauditissima, un’autentica Nanà che avrebbe inorgoglito Émile Zola), David non farà che pensare a lei, all’unico mattino in cui l’ha incontrata e a una carezza affettuosa per lui indimenticabile. E metterà in atto ogni tattica – viscerale, irrazionale quanto ingenua – per poterla rivedere.

Intorno a David, il taciturno padre, ebreo laico, vedovo, gran lavoratore; la pietista zia Dorothy, dal dente avvelenato verso quel «lupanare di Beverly Hills», secondo il frasario del marito siculo, che l’aveva abituata a questa parola per definire un bordello di infima classe; l’emancipata vicina Marion; i compagni di classe con cui «prendere in prestito» un sidecar per recarsi a Rodeo Drive in pellegrinaggio amoroso alla villa di Lupe o litigare a proposito di quegli scrittori tedeschi «impolitici» emigrati sotto le palme della California.

Tommy Cappellini è nato a Cantù nel 1975. Ha studiato a Como. Ha fondato, ventenne, una piccola casa editrice, pubblicando, tra gli altri, Yves Simon, Gerhard Köpf, Jean Baudrillard e Antonio Moresco. Ha lavorato presso Mondadori, Sperling & Kupfer e Frassinelli. Per molti anni a «Il Giornale», poi al «Corriere del Ticino», vive in Svizzera.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...