Home

Beh, che dire, quando una lettrice commenta così un libro, come restare indifferenti?

Il mondo delle sognatrici

Il simbolo: 5 su 5 stelle

BELLISSIMO DAVVERO!

27 novembre 2018

Premetto per amore di cronaca che i romanzi storici sono la mia passione. Il periodo trattato, poi, ovvero gli anni a cavallo del primo secolo d.C. mi è particolarmente congeniale, avendo effettuato io stessa in passato alcune ricerche in merito. Ciò detto, Il Simbolo è un romanzo a mio parere eccezionale.
La trama si articola nell’ arco di circa 90 anni durante i quali il protagonista, Ben Hamir/Annio Rufo, passa attraverso la Storia (quella con la S maiuscola) di Roma e dell’Impero influenzandola, partecipandovi e in taluni casi imprimendole una direzione della quale tutt’oggi permangono echi. Attraverso la sua abilità di amare e farsi amare dalle donne, e grazie all’innata propensione all’ascolto, Ben Hamir diverrà nel talamo il custode di confidenze e progetti destinati a cambiare il volto della storia, nonché del depositario e artefice del segreto (o della bugia?) più scottante di tutti i tempi.
Un punto di vista insolito, dal quale con gli occhi disillusi di chi conosce con quanta facilità il destino può innalzarti o schiacciarti, e lo sguardo disincantato di un laico poco avvezzo a essere soggiogato da credenze religiose di qualunque tipo, ci racconta la propria vita senza omettere dettagli, intersecando sapientemente la propria vicenda personale con le vicende dei popoli coi quali viene a contatto.
Lo stile è ricercato e ricco di termini inusuali, se non addirittura desueti, e piuttosto colti. Una scelta che, bisogna sottolineare, non è per tutti i gusti ma che a me personalmente è piaciuta molto, anche se in certi passaggi ha un poco rallentato il ritmo del racconto, per il resto scorrevole e vivace.
I personaggi sono tutti molto ben delineati in ogni sfaccettatura, estremamente credibili e vividi, a tal punto da poter quasi dire che non esistano comprimari in questa trama, ma che tutti contribuiscano al grande affresco che l’autore va tratteggiando pagina dopo pagina.
Senz’altro un libro che vale la pena di leggere, frutto non solo di una sapiente arte di scrivere, ma anche di una approfondita ricerca storica in grado di trasportarci nel cuore degli avvenimenti narrati, che si svolgano nel palazzo imperiale di Roma tra nobili e patrizi o nei sobborghi di Gerusalemme fra contadini e pastori.
Aggiungo anche che, data la professione che il protagonista pratica per gran parte della sua vita, il romanzo non è privo di scene di passione convenzionali e non, avvenendo tra persone di sesso opposto ma anche tra persone del medesimo sesso, e non necessariamente con “soli” due attori coinvolti al medesimo tempo. Le scene erotiche sono trattate con una eccellente capacità descrittiva e con una sorta di astrazione concettuale che rende possibile descrivere alcune tra le più comuni perversioni (sempre che tale termine sia adatto a identificare una preferenza sessuale piuttosto che un’altra!) senza scendere mai nel volgare, ma anzi rendendole estremamente piacevoli e originali.


COVER-SIMBOLO-EBOOK

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.