Home

Incontro inaugurale del ciclo “BAC e Viceversa in dialogo”
Lettura moderata da Carlotta Bernardoni-Jaquinta, redattrice di Viceversa letteratura:
(Senza) vergogna – incontro con V. Helbling e P. Lepori

Martedì 04 dicembre 2018 alle ore 18.00 avrà luogo presso i locali storici del Ristorante Lorenzini (Hotelgasse 10, Berna) l’incontro inaugurale del ciclo di letture promosso ed organizzato da Berna Arte e Cultura (BAC) in collaborazione con Viceversa letteratura, la Rivista svizzera di scambi letterari:
“BAC e Viceversa in dialogo”
È davvero la vergogna, come sostiene Emil Cioran, l’ispirazione principale di uno scrittore? O, al contrario, è proprio quello che impedisce alle parole di uscire? Ne parliamo con Virginia Helbling (Dove nascono le madri, Capelli, 2016 traduzione di Jacqueline Aerne: Am Abend fließt die Mutter aus dem Krug, Bücherlese, 2018) e Pierre Lepori (Nuit américaine, éditions d’en bas, Quasi amore, Sottoscala e Klaus Nomi Projekt, HumuS, 2018), i due autori ticinesi ospiti del dodicesimo numero della rivista svizzera di scambi letterari Viceversa Letteratura, nell’incontro dal titolo: (Senza) vergogna – incontro con V. Helbling e P. Lepori
Quest’iniziativa è supportata dalla Fondazione Oertli.

Viceversa letteratura 12, (Senza) vergogna
Che la pagina sia il luogo prediletto per confidare i segreti e le riflessioni personali – in modo più o meno esplicito – ce lo dimostra la letteratura di tutti i mondi e di tutte le epoche. Non solo; secondo Emil Cioran la vergogna costituisce la base stessa della creazione letteraria poiché “les sources d’un écrivain, ce sont ses hontes”. Noi agli autori del presente volume abbiamo chiesto di svelarcele, le loro vergogne ispiratrici; di arrossire per noi, farci e farvi vergognare, denunciare un oltraggio al pudore o al contrario inneggiare all’impudicizia… (quarta di copertina) Viceversa Letteratura», apparsa per la prima volta nel maggio del 2007, è una rivista annuale dedicata alla letteratura svizzera. Pubblicata in italiano (Bellinzona, Edizioni Casagrande), francese (Lausanne, Editions d’en bas) e tedesco (Zürich, Rotpunktverlag), in tre volumi distinti, la rivista si propone in particolare di promuovere gli scambi letterari al di là delle barriere linguistiche.

Biografia di Virgina Helbling
Nata nel 1974 a Lugano, Virgina Helbling ha studiato lettere e filosofia all’Università di Fribourgo e lavorato come giornalista per diverse testate ticinesi. Madre di sei figli, col romanzo d’esordio Dove nascono le madri (Cappelli, 2016) è stata la prima vincitrice ticinese del Premio Studer / Ganz.
gabrielecapellieditore.com

Biografia di Pierre Lepori
Pierre Lepori è nato a Lugano nel 1968 e vive tra Losanna e le prealpi friborghesi. Si è laureato in lettere all’Università di Siena e ha ottenuto un dottorato in storia del teatro all’Università di Berna, dove ha diretto la redazione italiana del Dizionario teatrale svizzero (Chronos, 2005). Dal 2015 al 2017 ha seguito i corsi di regia all’Alta Scuola delle Arti Sceniche di Losanna. Giornalista culturale per la Radio Svizzera, svolge mentorati di scrittura presso la Scuola Universitaria Professionale delle Arti di Berna (HKB). È trafuttore di poesia e teatro (Gustave Roud, Monique Läderach, Claude Ponti, Leopoldo Lonati, Luigi Pirandello), redattore di riviste (“Culturactif”, “Feuxcroisés”, “Viceversa Letteratura”) e dal 2009 al 2013 ha diretto il semestrale queer “Hétérographe” di cui è fondatore. Ha pubblicato raccolte di poesia (Qualunque sia il nome gli è valso il premio Schiller), saggi e romanzi che ha lui stesso tradotto in francese. Nel 2016 ha firmato la sua prima reagia teatrale Sans peau (Théâtre 2.21), e nel 2017 con François Renou, la creazione mondiale dell’opera Les Zocrates di Thierry Besançon (Opera di Losanna). Il suo sito internet è pierrelepori.com.

Come è nata e cos’è Berna Arte e Cultura (BAC): www.berna-arte-cultura.ch
Nata dall’incontro di cultori della lingua italiana con uno spiccato interesse per la cultura e l’arte nelle sue diverse forme espressive, BAC ha lo scopo di creare ponti che permettano a coloro che amano e apprezzano la lingua italiana di ritrovarsi per condividere momenti di ristoro per anima, mente e corpo.
BAC si rivolge ad un insieme variegato di persone che amano la lingua italiana. Tra i soci si contiano ticinesi e grigionesi, italiani di prima, seconda e terza generazione, Confederati di madre lingua francese e svizzera tedesca e altre persone residenti nella Confederazione che hanno eletto l’italiano “lingua franca”.
A Berna, dove si possono trovare amalgamate tutte le succitate tipologie di persone accomunate da un legame con la lingua di Dante e che rappresenta un emblematico crogiolo della cultura italica in Svizzera, ha sede pressoché naturale “Berna Arte e Cultura BAC”.
A poco meno di un anno dalla sua costituzione ufficiale, il 16 novembre 2016, BAC propone un programma annuale ricco di eventi eterogenei che spaziano dalla visita guidata a mostre d’arte, alla proiezione di documentari, a conferenze in lingua italiana con presonalità rilevanti in ambito culturale e artistico (scrittori, professori, direttori di museo, registi, ecc.).


cover helbling GCE defi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.