Home

© cult – Il mensile culturale RSI
Giugno 2018

“La chiave nel latte”, Alexander Hmine
Gabriele Capelli Editore
di Massimo Gezzi

Nel 1976 una ragazza incinta fugge dal Marocco e vola in Svizzera, dà alla luce suo figlio e lo affida a un’anziana vedova di nome Elvezia che vive nel Malcantone.

Comincia così la storia del protagonista di La chiave nel latte, romanzo d’esordio dello scrittore ticinese Alexandre Hmine che si è aggiudicato il Premio Studer/Ganz 2017 per l’opera prima.

Con uno stile brillante, una lingua mescidata e una narrazione organizzata in blocchi di poche righe, il libro racconta la crescita e la formazione umana e intellettuale del protagonista, proiezione autobiografica dell’autore, confrontato con il difficile compito di costruirsi un’identità complessa che tenga assieme le origine marocchine e il presente svizzero, l’italiano (e il dialetto parlato dall’Elvezia) e l’arabo, il desiderio impossibile di sentirsi parte di una famiglia e quello di emanciparsi da ogni dogma.

cover-chiave-latte-SG

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.