Home

Ultimamente i media riportano notizie in merito a ticinesi coinvolti in traffici di tonnellate di droga. Notizia incredibile?
Sotto un paio di brevi estretti del libro di Fausto CattaneoOperazioni sotto copertura”… ed eravamo negli anni Ottanta e Novanta.

[…] Ne prendo nota prima di recarmi al ristorante dell’Holiday Inn per incontrare Mario Calderon e il suo amico Orlando Fonseca Rivera, appena arrivato da Bogotà. A vederlo si direbbe un distinto uomo d’affari. I suoi modi raffinati, il suo portamento, i suoi abiti perfettamente confezionati nascondono l’uomo di fiducia di José Santacruz Londono, capo del cartello di Cali, un cartello della droga più discreto ma anche più pericoloso di quello rivale di Medellin. Mario Calderon ha preparato il terreno, e lo ha fatto così bene che l’uomo d’affari parla a ruota libera:
«Si parla molto di te, ed in bene, in Colombia. Sono fiero di conoscere lo zio del mio amico Mario. È un onore fare affari con te. Forse saprai già che possediamo un grosso deposito vicino ad Amsterdam. È il nostro stock principale per l’Europa. Puoi avere tutta la merce che desideri. Tu sei uno dei nostri, ti faremo delle condizioni vantaggiose. Avevamo circa due tonnellate di merce; ora ce ne rimangono 100 chili. Se li vuoi, manda uno dei tuoi ad Amsterdam. Deve solo noleggiare un’auto, prendere una camera in albergo e telefonare ad un numero che ti darò. Uno dei miei uomini passerà a prendere l’auto e la riporterà con i 100 chili. Per quanto mi riguarda possiamo farlo anche domani. Per il pagamento non ci sono problemi. Indicherò a Mario come, dove e quando dovrà essere effettuato. Se preferisci aspettare l’inizio dell’anno prossimo, avremo a disposizione altre due tonnellate di cocaina di eccellente qualità. La droga arriverà con un carico di succhi di frutta freschi. Lavoriamo con una famiglia che controlla una delle più importanti imprese produttrici di succhi di frutta del continente.»
[…]

Di seguito l’autore elenca alcuni successi:

[…] 100 chili di eroina a Bellinzona, 40 a Graz (Austria), 50 tra il Belgio e l’Italia, 100 chili di cocaina a Zeebrugge (Belgio), scoperta sotto lo scafo di un cargo, 480 in Francia (Martinica, territorio francese in Sudamerica)  dove un ex responsabile della lotta antidroga peruviana è caduto in trappola, tre tonnellate in Belgio, Svizzera e Olanda, che hanno permesso l’arresto del figlio di Severo Escobar Ortega, il primo cittadino colombiano ad essere estradato dal suo paese verso gli Stati Uniti. Decine di “piccole” operazioni fanno salire di parecchie tonnellate il bottino. L’operazione Octopus permette di sequestrare più di 10 milioni di franchi e lo smantellamento di un’organizzazione finalizzata al riciclaggio. Ho scoperto un inatteso crocevia in Vaticano, tra la rete di banchieri napoletani protetti dall’allora ministro dell’interno italiano, rifugiatosi in Brasile. […]

Curiosi?

copertina infiltrato H

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...